Le Fate Giardiniere…ora Pasticcione

21 novembre Madonna della Salute

Molti bambini della classe il 21 sono stati alla “Salute”, un modo confidenziale per dire che si sono recati alla Basilica eretta, per voto dei Veneziani, a seguito di una grave pestilenza. Ponte votivo di barche, candela, preghiera all’altare maggiore, palloncino e dolcetti: queste le tappe di ogni “cristiano o cristianino” per citare il nostro poeta Varagnolo quando si riferiva all’uomo di fede, cristiano, o a chi s’è perso per strada, cristianino, ma che il 21 novembre di ogni anno, sole, nebbia o vento comunque va in chiesa, e…in quella chiesa.

Obligo no ghe n’è, ma stamatina,
sia pur piova, caligo o bavesela,
ogni zente cristiana e cristianina,
in ciesa vol andar e proprio in quela!

I passa el ponte, i crompa la candela,
el santo, el zaletin, la coronçina,
e verso mezodì l’usanza bela
vol che i vada a magnar la castradina.

El bacaro xe pien; e la parona
che, drio del banco, conta le… valute
la ghe dise al marìo che… no ragiona:

“Sarà quel che ti vol, ma la Salute
(pol scondarse qualunque altra Madona)
come festa, per mi, va sora tute!”

Domenico Varagnolo, “Opere scelte”, Filippi Editore, 1967

caligo= nebbia
bavesela= venticello (freddo, visto il periodo )
cristianina=poco credente
quela=indica “la Madonna della salute”
el ponte = il ponte di barche che attraversa il Canal Grande da Santa Maria Zoenigo, nei pressi di Piazza San Marco, fino alla chiesa
candela= è usanza comprare la candela e consegnarla ai chierichetti all’ingresso della chiesa
el santo= il santino che normalmente si compra nella sacrestia
la coroncina= corona del rosario          ”                       “
el zaletin= biscotto tipico di farina gialla in vendita nelle bancarelle vicine
la castradina= tipica ricetta veneziana per l’occasione: carne di montone con verze.
bacaro= da Bacco, dio del vino, osteria
drio= dietro
sora= al di sopra

http://www.cantualeantonianum.com/2009/11/la-madonna-della-salute-con-i.html

da Google

Ogni bambino ha descritto la sua esperienza, talvolta arricchita con un pizzico di fantasia… a sorteggio pubblico il testo di

Giulio
Ieri sono andato alla Madonna della Salute e ho visto l’altare. Ho portato la candela accesa.
Ho mangiato la pastina con gli smarties, ma da dietro è arrivato un gabbiano e me l’ha portata via, mi ha anche morsicato il dito. Ho pianto, la mamma mi ha consolato e mi ha comprato il palloncino che mi è volato via e ho pianto un sacco, ma la mamma mi ha fatto un’altra sorpresa: mi ha comprato i guanti

 

altare maggiore da google

Ecco come Maria spiega l’altare maggiore.

 

C’è la Madonna che con il suo sguardo osserva Venezia che prega, guardando l’altare è alla sinistra, in braccio tiene Gesù. E dopo c’è l’angelo con il bastone. La vecchia è la peste che scappa per non essere bastonata dall’angelo.

 

da Google

 

 

 

 

Lascia un commento

Translate »