Le Fate Giardiniere…ora Pasticcione

Barbie Biancaneve

Ho modificato la storia di Biancaneve mantenendo, però, tutte le sue caratteristiche: protagonista, antagonista, dono magico, eroe…
Ed ecco per voi:

Barbie Biancaneve

-Miei cari bambini, oggi voglio raccontarvi una storia.
-I tre porcellini?
-Noooo, troppo vecchia!
-Riccioli d’oro?
-Nooo troppo noiosa!
-Pollicino?
-Nooo troppo violenta!

-Oggi vi parlerò di Barbie Bianca, soprannominata dagli amici “Biancaneve” per la candida pelle del suo dolce visetto incorniciato da lunghi e soffici capelli biondi.
Biancaneve era una fanciulla slanciata e snella, dalle lunghe gambe affusolate che ben si reggevano su tacchi alti e sottili come punte di spillo.
Barbie Bianca indossava molto spesso abiti sontuosi per le feste di gala a cui partecipava sovente visto che, figlia del re di Naturopoli, viveva fra gli agi e i divertimenti di corte. 
Barbie di Chiara
La principessa, in ogni caso, non disdegnava pantaloncini e magliette a giro vita per le sue scampagnate o le innumerevoli passeggiate oltre le mura del castello. 

Barbie di Martina
La giovane amava profondamente la natura, la rispettava e chiedeva che tutti si comportassero come lei affinchè Naturopoli si mantenesse pulita e bella.
I giorni scorrevano sereni, l’uno dopo l’altro: Barbie Bianca passeggiava felice nel bosco giocando con i raggi del sole che occhieggiavano fra un ramo di quercia e uno di frassino. 

immagine da google
Gli uccelli l’accompagnavano con il loro allegro cinguettio. 
Princip, il più grazioso fra tutti, se ne stava spensierato sulla sua spalla e si lasciava portare di qua e di là fra sentieri ombreggiati. 

immagine da google

I fiori sbocciavano ad ogni passo della fanciulla, allegri saltellavano i leprotti, annunciando agli altri animali del bosco la presenza della splendida Biancaneve.

immagine da google


E così, giorno dopo giorno.


Tutto era molto bello, ma spesso ciò che più piace, ciò che appaga il cuore, ciò che porta immensa felicità ha breve durata.
Un terribile, un nefasto, un pessimo giorno Barbie incontrò lungo il suo cammino la perfida strega Nera.

immagine da google

Nera celava il suo volto con un lugubre manto oscuro che agitava ad ogni passo bruciando la tenera erba, mentre i rami, ormai secchi, lasciavano cadere al suolo petali rosa e pallidi germogli. Tutto al suo passaggio moriva, tutto diveniva freddo e tetro, ovunque essa fosse regnava il gelo.

immagine da google
Barbie Bianca, nascosta fra gli anfratti di una roccia, doveva pensare velocemente al da farsi. Ricordò che nel bosco, in una minuscola casa, vivevano sette nanetti furbi, simpatici, gran lavoratori…..

immagine da google

…ma soprattutto dotati di un eccezionale dono: “il potere dell’annullamento” racchiuso nella macchina da essi stessi congegnata. 

immagine da google

La principessa, dunque, chiamò a sé Princip e lo pregò di volare velocemente dai nanetti per avvisarli del grave danno ecologico per mano di Nera.

I sette, armati di coraggio e abilità, si precipitarono nel luogo del disastro guidati dal valoroso Princip che, per compiere la sua missione, aveva rischiato, senza alcun ripensamento, di finire nelle sgrinfie della malvagia strega.
Non ci volle molto per sconfiggere la perfida: il gran sacco aspiratore dell’annullamento risucchiò il gelo, la cattiveria e l’aridità di Nera che immantinente fu pietrificata.

immagine da google
Per rimediare a tutta quella distruzione i sette grandi nanetti azionarono, poi, la macchina Spara Natura e così nuovi fiori sbocciarono su una fresca e ancor più tenera erba, gli alberi ritrovarono l’antico vigore, mentre i loro rami, piano piano, si ricoprivano di verdi foglie e delicati germogli. 

immagine da google

E così, in quel bosco rinato che profumava di resina e terra umida, nacque l’amore: Princip, l’uccellino più coraggioso e, ripetiamolo pure, più carino, posatosi, piano al suolo con il suo leggero vibrare di ali, si trasformò in un baldo giovane che, presa tra le braccia Barbie Biancaneve, le giurò eterno amore!

immagine da google

Noooo, il castello non era abbastanza ecologico, i due innamorati scelsero la grande casa Mela, posta lì, ai piedi di una secolare quercia che, con i suoi maestosi rami, donava loro una fresca, magica ombra.

user posted image
immagine da google

Anna

Un pensiero su “Barbie Biancaneve

Lascia un commento

Translate »