Le Fate Giardiniere… ora Pasticcione

Prove generali dello spettacolo

Le fate di Monteluce

Caterina Peschiera 

Un tempo lontano, in un regno sconosciuto vivevano un re e una maga in un castello vicino al bosco di Monteluce. In quel bosco si potevano trovare fate e spiritelli.

Il re voleva una moglie e Ramina, la maga, consigliò al re di mandare un soldato fidato a prendere una fata a Monteluce. Il re mandò Rambaldo e i suoi soldati. Fu così che il gruppetto si ritrovò in una radura dove non c’era anima viva. I poveretti, dopo lungo camminare, morivano dalla stanchezza, dalla sete e dalla fame. Ad un certo punto arrivarono degli spiritelli che diedero loro da mangiare lamponi, mirtilli e licheni, cibo adir il vero poco apprezzato. Ascoltando i loro discorsi, gli spiritelli capirono che i soldati volevano rapire una fata.

Proseguendo il loro cammino, Rambaldo e i suoi soldati si ritrovarono presso una sorgente. Rambaldo si gettò in acqua dove vedeva, solo lui, nuotare le fate. Ne acchiappò una con l’intenzione di tenerla per sé e di non consegnarla al re.

Stanchi, senza provviste, i soldati si buttarono a terra, quando…videro un faggio che bruciava colpito da un fulmine per un improvviso temporale. A quel punto Rambaldo, ancora solo lui, vedeva le fate a forma di fiamme.

Furbo com’era, chiese aiuto ad una di esse per uscire da quel bosco e si offrì la fata Fiammetta che, così facendo, stava rischiando di diventare umana, ma ormai se ne era perdutamente innamorata.

Quando i soldati capirono il suo piano lo portarono in prigione perché stava tradendo il re. Anche Fiammetta fu condotta da lui e condannata al rogo.

Nel momento in cui fu acceso il fuoco alla pira, Fiammetta non bruciò perché le fiamme sue sorelle la proteggevano, anzi riuscirono anche a fermare il boia che avrebbe dovuto decapitare Rambaldo e ad uccidere Ramina.

E il re?

Anche il re, dopo aver ricevuto il monile stregato di Fiammetta, morì!

Giulia, Maria, Giulio, Leonardo

 

Ci prepariamo:
E ora si recita in palestra:

 

….e si canta
grazie maestra caterina!!!

Lascia un commento

Translate »