Le Fate Giardiniere… ora Pasticcione

Visita al Planetario del Lido

Relazione di Giulia e ricerca su Wikipedia di Alessandro, Filippo e Tommaso

I PUNTI CARDINALI
Arrivati al Planetario gli esperti ci hanno detto di accomodarci su delle poltrone. Quando è diventato tutto buio ci hanno consigliato di immaginare di essere in una barca, tra Piazza San Marco e l’isola di San Giorgio, così ci hanno mostrato i Punti Cardinali:
Nord è verso Piazza San Marco, Sud è verso San Giorgio, Est è verso il Mare Adriatico e Ovest è verso la Salute.

 

1

 

PASSAGGIO DAL GIORNO ALLA NOTTE

Ad un certo punto è sorto il Sole che piano piano ha cominciato a tramontare,  passaggio dal giorno alla notte, il cielo è diventato sempre più scuro; dall’ azzurro al rosa fino a quando abbiamoi potuto osservare bellissime stelle luccicanti. Il crepuscolo è il piccolo intervallo di tempo a Oriente prima del sorgere del Sole, ed a Occidente dopo il tramonto,quando si intravedono sia il sole che le stelle.

La terra è considerata come una sfera schiacciata ai Poli: si immagina che sia attraversata da un’asse (ASSE TERRESTRE) che ha una sua inclinazione, passa da un Polo all’altro ed attorno ad essa la Terra ruota (MOTO DI ROTAZIONE).Questo moto ha come conseguenza l’alternarsi del dì e della notte

L’alternarsi del dì e della notte avviene perchè i raggi solari colpiscono la superficie rivolta verso il Sole, lasciando l’altra parte nell’oscurità.

Se la Terra non ruotasse su se stessa o se il Moto di Rotazione (che dura 24h) fosse così lento da durare come quello di Rivoluzione(365gg), metà della superficie terrestre sarebbe sempre nell’oscurità e nel freddo glaciale.

Invece la maggiore velocità del Moto di Rotazione rispetto quello di Rivoluzione fa sì che si alternino periodi di illuminazione (dì) e di oscurità (notte).

INQUINAMENTO LUMINOSO

Gli esperti ci hanno fatto vedere una foto che raffigurava quanta luce si spreca nelle strade in Italia. Si consuma più energia elettrica al Nord, dalle nostre parti e quindi di notte non si vedono le stelle. Una foto ci mostrava che in montagna, visto che non ci sono molte luci, si vedono bene le stelle

Quando l’uomo immette luci di notte nell’ambiente esterno, altera la quantità di luce naturale presente e produce una forma di inquinamento arrivando al punto che la luce artificiale supera di centinaia di volte quella naturale.

Abbiamo visto alcuni tipi di lampioni che illuminano dove non e’ necessario, rivolgendo il fascio di luce anche verso il cielo, quelli corretti invece, hanno il fascio di luce fatto a cono rivolto verso il basso ( come una V rovescia).

L’inquinamento luminoso del cielo notturno da parte delle città, fa sì che anche nelle zone più isolate ci sia un chiarore innaturale che si aggiunge o copre quello naturale del cielo.

E’ importante quindi che le fonti luminose siano adeguate affinchè possiamo ammirare la volta celeste, che di notte ci offre lo spettacolo dell’ universo che ci circonda, con stelle, pianeti, costellazioni etc.

2

soluzioni inquinanti

3

soluzioni non inquinanti

MAPPA DEL CIELO

Le Costellazioni sono formate dalle Stelle e creano dei disegni raffigurati forme geometriche, oggetti, animali, esempio: Orione, il Carro Maggiore o Orsa Maggiore……Gli antichi quando andavano in giro con le navi vedevano queste stelle come una mappa, visto che non avevano una bussola..
Fin dall’antichità l’uomo si e soffermato ad osservare il cielo, cercando di interpretarlo e addirittura attribuendogli proprietà quasi magiche, inventandosi storie e personaggi che associava a disegni stellari (ASTERISMO).

Gli asterismi sono insiemi di stelle che uniti da linee immaginarie formano un’ immagine a cui il popolo ha assegnato nomi derivanti dalla mitologia ( di solito per gli asterismi più grandi detti costellazioni)o dall’ immediato (es.” Grande carro “che fa parte di una costellazione).

La posizione degli asterismi fa si che possiamo anche noi,come gli antichi, partendo da una piccola immagine iniziare ad identificare altre immagini più grandi e a capire la posizione di determinate stelle nel cielo.

A volte i nomi non assomigliano alle creature dalle quali prendono il nome., e ad oggi abbiamo una lista di 88 nomi di costellazioni ufficiali.

4

I PIANETI

Sono grossi corpi celesti di tipo “terrestre” (Mercurio, Venere, Terra, Marte) o “gassoso” (Giove, Saturno, Urano, Nettuno, Plutone, pianeta nano) che non emettono luce propria

5

ASTEROIDI

Sono corpi celesti simili per composizione ai pianeti di tipo terrestre, con un diametro mai superiore al km .

6

METEORITI

Sono frammenti di asteroidi che entrando nell’ atmosfera terrestre si riducono ulteriormente di dimensioni.Alcuni si disintegrano già nell’ atmosfera, mentre altri a causa della differenza di temperatura ( nell’atmosfera è maggiore che nello spazio),si riscaldano fino ad emettere luce, dando cosi le “Meteore “o “Stelle cadenti”.

7

STELLE

Sono corpi celesti dotati di luce propria ferma o pulsante, perchè incandescenti e scintillanti.Ad occhio nudo ne vedi circa 6000 e durante il giorno non le vedi a causa dell’intensità della luce solare. Si muovono nel cielo ma ci sembrano ferme a causa della grande distanza da noi.

8

Il Sole è una Stella di dimensioni medie costituita da Idrogeno ed Elio. Attorno al Sole ci sono molti pianeti tra cui la Terra. Senza il Sole noi non potremmo vivere perché chi ci riscalderebbe? Saremmo tutti congelati.

 

 

9

nebulosa del Granchio

IL SOLE

E’una Stella Stabile , chiaro esempio di NANA GIALLA,formato da :

1)NUCLEO: dove avvengono reazioni nucleari

2)I° INVOLUCRO: zona di trasporto delle radiazioni

3)FOTOSFERA

4)CRONOSFERA

5)CORONA SOLARE

 

10LO SCUDO MAGNETICO

imagesE’ un fenomeno simile ad un campo magnetico, circonda la Terra, facendole da scudo dalle particelle del vento solare e dai raggi cosmici.

Alcuni scienziati dicono che si stia indebolendo, causando così il malfunzionamento dei dispositivi elettronici spaziali e terrestri poichè un maggior numero di radiazioni spaziali lo attraversa.

12

aurora boreale

 

3 pensieri su “Visita al Planetario del Lido

Lascia un commento

Translate »