Le Fate Giardiniere…ora Pasticcione

Visita alla Biennale: ovvero il viaggio del piccolo Nuk

I Gruppo: “divertimento” Linda Alessandro Orfeo Chiara C. Camilla Martina

Sabato 10/11 siamo andati alla Biennale e abbiamo visto la casa di Nuk, un bambino della Groenlandia che ha deciso di viaggiare per il mondo con la fantasia.

Questa è la foto del salotto con il nostro compagno  Orfeo.  
All’interno  c’è  un libro aperto sul tavolino, c’è anche un divano e molte altre cose interessanti, fra queste  la TV
All’ esterno ci sono dei baccalà attaccati a una struttura di legno, c’è anche uno slittino, che in questa foto non si vede. Nel frattempo vengono proiettate sulle pareti le foto dei ghiacciai della Groenlandia dove vive  Nuk.
A Nuk non piace affatto il pesce per questo è cominciato il suo viaggio.
I baccalà
————————–

II gruppo: “Polenta” Agnese Giulia Alessia Irene Rebecca Beatrice

Ora Nuk è in Russia: entra in una stanza buia.
Noi abbiamo la senzazione di essere nello spazio con le stelle e di cadere nel  nulla. Sulle pareti ci sono tanti piccoli oblò.

Dentro  gli  oblò vediamo varie foto: un grattacielo, la cartina dell’ Italia, un aereo, una città…La maestra Anna si avvicina ad un oblò e, con la macchina fotografica, scatta questa foto ad una statua.
——————–

III gruppo: “animali”  Teresa  Chiara P.  Monica Filippo  Giada  Leonardo.


Nuk va nel padiglione del Canada, qui ci sono tante casette piccole.

La casa lavandino è piena di tubi, di lato ci sono quattro spazzole.

Nuk vede una casetta di pizzo fatta con l’uncinetto e una  casetta tutta di fili luccicanti.

C’è una casetta con tanti bidè.

La stuzzicasa è fatta di cannucce e ha il tetto di legno. Al posto delle pareti ci sono stuzzicadenti
————————–

IV gruppo: “formaggio” Ludovica Anna Francesca Tommaso Hyblo Chiara B.

All’ entrata del padiglione della Spagna c’è un rampicante con i colori autunnali

Nel padiglione vediamo una cupola di vetro con il cappello, dentro ci sono due sedie ed un tavolo
Attorno alla cupola c’è un villaggio in miniatura.
In un’altra stanza ci sono delle piante sospese nell’aria, attaccate al soffitto con delle corde.
Alcune piante stanno soffrendo forse perchè i tubi portano poca acqua

Ecco i nostri compagni sotto gli alberelli

Dopo la visita lavoriamo anche noi con la fantasia…

….e realizziamo questo coloratissimo pannello.
——————
…ecco un altro capolavoro della Biennale…

…mamma Lucia cerca di acchiapparlo…

….ma no! E’ l’elegante ombrello di mamma Sara
…ma che ci faceva lassù?


8 pensieri su “Visita alla Biennale: ovvero il viaggio del piccolo Nuk

  1. Betty

    Ma che cose fantastiche che ci avete mostrato… siete proprio fortunati ad avere a portata “d'occhi” queste belle cose…
    Ciao, un salutone a tutti

    P.S.
    Anna Marina, dovresti togliere il codice di verifica… a volte è proprio impossibile leggerlo ;-?

Lascia un commento

Translate »