Le Fate Giardiniere… ora Pasticcione

Filastrocche, filastrocche grammaticali, poesie

Le Muse

CLASSE III

(immagini da Google)

Insieme

 

Appoggio la conchiglia all’orecchio

e sento il rumore del mare.

Ancora disegno arabeschi

e castelli di sabbia

dentro di me.

Ritrovo nei miei occhi

immagini di onde azzurre.

Ancora profuma di salsedine

tutto il mio corpo.

Queste cose ricordo e racconto

ai miei compagni che ho ritrovato.

Insieme quest’anno,

inizieremo una nuova avventura

 

 

CLASSE II
IMPARIAMO L’ORTOGRAFIA CON LE FILASTROCCHE

 

http://maestraemamma.it/filastrocca-sullaccento/

 


Per colpa di un accento G.Rodari
Per colpa di un accento
un tale di Santhià
credeva d’essere alla meta
ed era appena a metà.
Per analogo errore
un contadino a Rho
tentava invano di cogliere
le pere da un però.
Non parliamo del dolore
di un signore di Corfù
quando, senza più accento,
il suo cucu non cantò più.

L’accento
L’accento è un segno particolare
su alcune paroline deve stare.
Spari diventa sparì
parti partì
volto voltò
picchio picchiò.
Quando dici 
metti l’accento sulla i.
Quando dici 
lo metti sulla e.
Su qui quo qua
l’accento non va
ma aggiungilo a  e 
ed anche a giù e già.
E senza accento due parole lega
è con accento invece spiega.

(Fonte Le schede di Arisimarialuisa )

L’accento
Ahimè c’è stato un imprevisto:
tu l’accento l’hai più visto?
Notte e io l’ho cercato,
se lo trovi ti son grato.
sì ecco … è più in ,
tra mimose e lillà.
Ora è ,
proprio in testa al lunedì.
Io lo scorgo pur lassù
dove canta il mio cucù.
Quell’accento è un discoletto,
e mi scappa per dispetto.
Lui non troppa attenzione
quando spiego la lezione,
e poi pensa solo a
o si beve un bel ,
lui vuole oibò studiare
qui bisogna rimediare!
Anna

 

C’ERA   CERA
C’era una volta una candela sempre accesa
giorno e notte, mattina e sera.
E così alla fine di questa storia,
la cera che una volta c’era, più non c’era.

 

Le doppie:
Stella stellina  

 

Stella stellina,
la notte si avvicina,
la fiamma traballa,
la mucca è nella stalla,
la mucca e il vitello,
la pecora e l’agnello,
la chioccia e il suo pulcino
la mamma e il suo bambino,
ognuno ha la sua mamma
e tutti fan la nanna.

 

da google

Filastrocche e poesie

 

Anna

 

 

Arlecchino
Lo sapete che Arlecchino
fu vestito, poverino,
con i cenci regalati
dai bambini fortunati?
Arlecchino sorridente
è l’immagine vivente
dell’aiuto che può dare                                                                                                                      chi anche agli altri sa pensare.

Anonimo

Picasso

Il pagliaccio

In testa porto un cappellino
con la stella ed un pallino,
lì nascondo i miei pensieri,
delusioni e dispiaceri.
Il naso rosso a patatone,
la mia bocca un bel portone,
così dono gran sorrisi
a chi porta i tristi visi.
Poi la sera, nel tendone,
io mi tolgo il gran pancione,
e poi lavo il trucco buffo
e sistemo il mio bel ciuffo.
Silente la notte nera,
tremula una candela,
il mondo senza colore
di chi annega nel dolore.
Il mio cuor col suo risuona
che la notte trascorra buona,
e che il giorno, che poi verrà,
gli possa dare felicità.
Anna

Inkscape Anna

Il vestito dell’albero

(poeta sconosciuto)

D’inverno l’albero non ha il vestito.

Come i poverelli

se ne sta solo e infreddolito

coi suoi ramoscelli.

Vuole dormire, ma il vento lo desta,

la pioggia lo bagna,

e lui sta quieto in mezzo alla tempesta,

nemmeno si lagna

Ma poi la neve ricopre i suoi rami

e all’albero fa tanti ricami.

Nessuno ce l’ha

un cappottino così bianco e bello.

Neppure una sposa.

Ce l’ha soltanto il povero albero

che adesso riposa.

Dalla nostra classe

Nevica  (P.Guarnieri)

Sopra i tetti sulle strade

piano piano, lieve lieve

cade giù la bianca neve.

Danza, scherza, su nell’aria,

si rincorre si riprende

e poi lenta lenta scende.

Come candida farfalla

che è già stanca del suo volo

si riposa sopra il suolo

ed in breve lo ricopre

d’un uguale bianco manto:

sembra tutto un dolce incanto.

                                              

Dall’uovo di Pasqua  M.L.Giraldo                                                 Una campana

Dall’uovo di Pasqua                                                                         Una campana
è uscito un pulcino                                                                           piccina, piccina
di gesso arancione                                                                          con la sua voce
col becco turchino.                                                                          fresca e argentina
Ha detto: “Vado,                                                                              si sveglia all’alba
mi metto in viaggio                                                                          tutta contenta
e porto a tutti                                                                                   nessuna nuvola
un grande messaggio”.                                                                   più la spaventa.
E volteggiando                                                                                Dondola dondola
di qua e di là                                                                                   nel cielo blu                                attraversando                                                                                  e dice a tutti:
paesi e città                                                                                     “Risorto è Gesù!”.                       ha scritto sui muri,
nel cielo e per terra:
“Viva la pace,
abbasso la guerra”.

In questo giorno di Pasqua

In questo giorno di Pasqua
vorrei che gli uomini
di ogni colore
si stringessero la mano.
Vorrei che tutti avessero
una tavola dove mangiare,
un letto dove dormire
un amico in cui confidare.
In fondo in fondo
vorrei la pace in tutto il mondo.

Aprile

 

Toc e toc e pio e pio

ecco qua ci sono io:

il pulcino della pioggia

che l’ombrello adesso sfoggia

e non bagno il cravattino

che rallegra il mio visino.

Dall’ovetto son sgusciato,

vo a passeggio per il prato,

vo a cercare quei bambini

vispi, allegri e birichini,

che felici saltellando

fra le gocce van giocando.

Ora poi, che vedo io?

Ogni goccia un tremolio,

un fruscio, un crepitio:

tanti fiori son sbocciati

rosa e bianchi e colorati,

le corolle variopinte

stan fra uova assai dipinte

esse son di cioccolato

son davvero fortunato!

E’ la Pasqua del Signore

ve lo dico con il cuore:

tanti auguri a tutto il mondo

in un gaio girotondo!

Anna

Inkscape Anna

La rosa per la mamma       
Sei fiorita stamane
rosellina di maggio?
Sì, son fiorita al raggio
della luna, tra rotte
nuvole di bambagia;
fiorii col gelsomino,
timido mio vicino,
che nell’ombra s’adagia.
Ma per chi son fiorita?
Bella rosa di maggio
bella rosa di fiamma,
tu sei per la mia mamma.

Mamma,
vorrei a te donare
gli azzurri profondi del mare,
le bianche nevi di alte cime
di tenere allodole il canto sublime.
Petali rosa leggeri nel vento,
voli nell’aria dal ritmo più lento,
tutte le stelle che brillano in cielo,
tonda la luna nel giallo suo velo.
Vorrei offrirti prati fioriti,
i rossi orizzonti infiniti,
e l’alba dolce di Primavera
e l’onda bianca sulla scogliera.
Tutto, il mio cuore ti vuol donare,
perchè dolce il tuo nome mi fa sognare;
bianca negl’anni e un po’ affaticata,
oggi festeggi mamma adorata!

Anna

Risultati immagini per rose mamma gif

Da Google

Il tesoro  Giovanni Pascoli

Quanto a tesori, un’altra se ne narra.

C’era una volta un vecchio contadino

che aveva un suo campetto e la sua marra

e tre figlioli. Giunto al lumicino,

volle i suoi tre figlioli accanto al letto.

“Ragazzi” disse “vado al mio destino:

ma vi lascio un tesoro, è nel campetto…”

 

 

E non potè più dir altro, o non volle.

A mente i figli tennero il suo detto.

Quando fu morto, quelli il piano, il colle

vangano, vangano, vangano: invano;

voltano al sole e tritano le zolle:

nulla! Ma pel raccolto, quando il grano

vinse i granai, lo videro il tesoro

che aveva detto il vecchio: era in lor mano;

era la vanga dalla punta d’oro.

 

 

 

Translate »